A clash of Gods

La storia finora - Capitolo 2

Il Salone delle Sette Colonne

ALTURIAK, 20

Attraversando impervi sentieri di montagna, il gruppo si avvia lungo una via carovaniera stretta in una gola di alte pareti di roccia.
Al termine della via gli avventurieri imboccano una grande via sotterranea, la strada delle lanterne.
Gli avventurieri si imbattono in un gruppo di Hobgoblin che ha intenzione di trucidare un apparentemente indifeso halfling. I PG sconfiggono gli Hobgoblin e salvano l’halfling di nome Rendil Mezzaluna.
Tuttavia, in un impeto di follia, Jozan assale l’halfling che riesce però a fuggire lungo la strada delle lanterne.
I PG si incamminano nuovamento lungo la strada soterranea e sconfiggono un gruppo di Predoni Sanguinari marciando nel sottosuolo.
I PG giungono infine al Salone delle Sette Colonne dove, nonostante il comportamento di Jozan, riescono in qualche modo ad ottenere ristoro presso la Locanda di Mezzaluna.
Alton e Digger consegnano l’astuccio a Gendar il drow e ricevono in cambio un oggetto da consegnare a Haskar Riverside.
Inoltre Gendar li incarica di di recuperare uno scettro presso i Duergar Grimmerzhul alla Rocca Cornuta.
I PG sospettano che gli schiavi che sono incaricati di liberare si trovino propio alla Rocca Cornuta e decidono di dirigersi là.

Giunti alla Rocca Cornuta, una fortificazione sotterranea difesa da un nutrito gruppo di Duergar, i PG entrano con la forza sgombrando con violenza e senza fare prigionieri due dei tre bastioni che compongono il forte. Epiche sono la battaglia nelle fornaci della Rocca Cornuta che vede i PG uccidere Urwol, il Mastro Fabbroferraio e la battaglia nel grande salone del secondo torrione nella quale viene trucidato Rundarr, il Duergar Campione.

Ubriacati dalle molte vittorie i PG fanno irruzione nell’ultimo torrione, dove però si erge di fronte a lor Murkelmor, il capo del clan Grimmerzhul.
Questi con l’aiuto della sua guardia personale sconfigge gli avventurieri, liberandoli dopo averli spogliati di ogni bene.

I PG tornano con la coda tra le gambe al Salone delle Sette Colonne. Qui, anche a causa del nervosismo per la battaglia appena perduta, Digger e Quarion iniziano un duello a colpi di magia.
Questa infrazione delle regole del Salone attira l’attenzione dei maghi di Saruun, i quali condannano Quarion alla schiavitù a vita a partire dall’alba del giorno seguente.
Gli altri PG sono banditi a vita dal Salone delle Sette Colonne.

I PG ritornano alla Rocca Cornuta, dove sconfiggono abilmente Murkelmor e recuperano il proprio equipaggamento.
Liberati gli schiavi dalle loro prigioni li scortano all’ingresso del Salone delle Sette Colonne, dove i PG si guardano bene dall’entrare per non provocare ulteriormente l’ira dei maghi di Saruun.
I nervi degli avventurieri sono messi a dura prova e continuano le liti tra i componenti del gruppo.
I PG vengono avvicinati da Charrak il coboldo con un messaggo e delle istruzioni per raggiungere una vicina caverna..
Giunti alla caverna, si rendono presto conto che si tratta di una imboscata. Vengono infatti assaliti da 2 custodi di bronzo ed altre creature.
Nonostante riescano a sconfiggere i loro assalitori, in seguito alle ferite riportate Alton perde la vita.

ALTURIAK, 21

All’alba Quarion viene imprigionato nella torre dei maghi di Saruun.
I PG incontrano Thailog, Dalamar e Rufis di Luskan che si uniscono al gruppo.
I PG bengono incaricati da Orontor dei maghi di Saruun di reperire informazioni su Paldemar il mago rinnegato. Grazie a questo vengono riammessi al Salone delle Sette Colonne.
I PG si avventurano così nella profondità della terra fino al pozzo dei demoni, dove liberano la prima camera dalle creatuire che la infestano e ed odono il messaggio del Minotauro.

I PG liberano le sale seguenti dagli Gnoll che le occupano fino ad impossesarsi del Tomo Dell’Ira Rivelata.
I PG si alleano con due Tiefling incontrati nel santuario.
Gli avventurieri si imbattono in tre spettri che li mettono in guardia sui pericoli del pozzo dei demoni.
I PG si impossessano anche del Volto di Baphomet. Nell’impresa uno dei Tiefling e Rufis perdono la vita ,ma quest’ultimo viene resuscitato dai PG al monastero del Dio TOrm presso il Salone delle Sette Colonne. Il secondo Tiefling fugge in preda al terrore dopo aver visto il compagno cadere.
Tornati al pozzo dei demoni i PG si impossessano anche della Lama del Corno Sanguigno.

ALTURIAK, 22 – CHES,10

I PG sconfiggono il Drago Verde a guardia del pozzo dei demoni e bloccano il rituale che il capo degli Gnoll, Maldrick Scarmaker, sta tentando di portare a compimento. Quest’ultimo cade nel disperato tentativo di scofniggere gli avventurieri.
I PG si fanno strada nella torre occupata dal mago Paldemar e riesono a sconfiggerlo.
Sul pavimento della sala dove il gruppo sconfigge Paldemar si trova uno strano mosaico: rappresenta una mano che stringe un occhio. Si tratta di un chiaro simbolo di Vecna .
Tra le carte del mago i PG ritrovano una lettera di un certo Karavakos.
Questo sembra essere il capo di Paldemar e nel messaggio invita quest’ultimo a raggiungerlo in un luogo chiamato la Piramide Nera.

Durante una lite Digger causa il disintegramento del buon Jozan, cha passa a milgior vita.

Comments

Filippo83

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.